pietra ambra

AMBRA

felicità – calma – protezione

La parola ambra deriva dall’arabo “Anbar” che inizialmente indicava una sostanza cerosa prodotta dallo stomaco del Capodoglio. Ovviamente l’ambra che conosciamo noi, non è un vero e proprio minerale, ma bensì una miscela perfetta di elementi naturali, elementi animali, residui di piante o addirittura bollicine di ossigeno che possono creare dei fantastici disegni al suo interno. Una resina fossile classificata tra le pietre semi-preziose organiche di origine vegetale più antiche, che ha subito un lungo processo di fossilizzazione e una progressiva mineralizzazione. Ecco perché non può mancare fra i propri gioielli. L’ambra per definirsi tale, deve avere almeno 150.000 anni, altrimenti si tratta di Copale o Copalite che sono resine organiche che non sono abbastanza vecchie ( meno di 100.000 anni) e non ancora fossilizzate e indurite a sufficienza per diventare ambra. È da sempre considerata la regina degli amuleti fortemente protettiva e anti demoniaca, dalle infinite gradazioni di colori e dagli svariati giochi di luci, per un aspetto traslucido e un grande fascino. Grazia alle sue proprietà terapeutiche è il simbolo dell’energia vitale e una gemma calda, serena e senza età. Aiuta nella manifestazione delle proprie idee nella realtà quotidiana. Fortifica il plesso solare, donando chiarezza mentale, equilibrio e fiducia nelle proprie possibilità. Promuove la fertilità e dona energia luminosa ed energizzante. È utilizzata anche come calmante di tutto il sistema nervoso. Aiuta nelle carenze del metabolismo, nei problemi di udito e nei disturbi dello stomaco. Assorbe il dolore e aumenta le difese immunitarie. E’ ottima se accompagnata al diaspro fossile e alla corniola. Con il Turchese i monaci tibetani realizzano collane per l’avverarsi dei propri desideri. Con il Quarzo Ialino aiuta invece a sciogliere le tensioni della schiena e i dolori alle articolazioni. È abbinata al 3° chakra e il segno zodiacale associato è il Leone.