pietra ematite

EMATITE

Radicamento – Centratura – Stabilizzazione

L’ematite è una pietra di colore grigio cenere o nero dalla lucentezza metallica. Deve il suo nome alla parola greca “haimatites” che significa simile al sangue. Infatti l’acqua utilizzata durante la sua lavorazione diventa di colore rosso. Per questo motivo è anche chiamata “Pietra del Sangue”. Può avere di fatto varie origini. Se è di origine primaria, si forma tramite processo idrotermale, dando luogo a piccoli cristalli o sviluppandosi in piccoli globuli vetrosi rossi. Se è di origine secondaria, si forma nella zona di ossidazione dei giacimenti di ferro, producendo piccole lamelle di colore rosso. Se è di origine terziaria, forma dei massicci giacimenti metamorfici. Un altro nome che gli è stato attribuito nel tempo, però meno conosciuto, è “Specularit” dal latino speculum ovvero specchio. In passato infatti venivano costruiti specchi magici di ematite che avrebbero dovuto riflettere i pensieri e le azioni dell’umanità. E’ tra i minerali più comuni e ha proprietà magnetiche che aumentano scaldando la pietra. Ottima pietra di radicamento e usata insieme alla tormalina nera e la shungite, protegge contro lo stress geopatico e dallo smog elettromagnetico, oltre che dalla negatività. Stimola l’assorbimento del ferro e la produzione dei globuli rossi. Migliora l’apporto di ossigeno al corpo, normalizzando la pressione sanguigna e il peso corporeo. Combatte quindi le anemie, le emorragie e le infiammazioni. Lavora soprattutto sul prima chakra aiutando a rafforzare le energie fisiche rivitalizzando l’intero organismo. Rafforza anche mente e corpo, donando centratura e lucidità. Il segno zodiacale associato è il Capricorno.