pietra ossidiana nera

OSSIDIANA NERA

chiarezza – protezione – autocontrollo

Il suo nome deriva dal latino “obsidianus”, dal nome dell’esploratore romano “Obsius” che la portò a Roma dall’Etiopia. È un vetro vulcanico che deve la sua formazione al repentino raffreddamento di lave ricche di silice. Il suo colore scuro, in netta opposizione con il colore bianco, rappresenta l’oscurità dentro ognuno di noi, buia e profonda come la notte, che ci troviamo ad affrontare e commutare durante il nostro percorso di vita. La sua colorazione può essere uniforme a chiazze o a bande ed è la pietra denominata anche “Pietra del Guerriero della Verità”. Agisce come uno specchio e aiuta a vedere i lati ombrosi della propria personalità, a non temerli, ma a trasformarli, sconfiggendo paure e insicurezze. Un compito “da veri guerrieri” per una nuova saggezza e spiritualità. I Maya utilizzavano infatti l’ossidiana lucidata come “specchio magico”, uno strumento di divinazione che allineava la volontà con il Divino. Oggi attenua il dolore, riduce le tensioni e disintossica il corpo favorendo la digestione. Stimola la circolazione sanguigna, quindi è molto indicata in caso di mani e piedi cronicamente freddi e fornisce forza cosi come autocontrollo. Viene spesso utilizzata con altri cristalli per amplificarne l’aspetto della protezione psichica, combinandola con la Tormalina nera, il Quarzo fumè, la Shungite, o il Quarzo Tormalinato. Lavora bene con il primo chakra aiutando a rimuovere eventuali blocchi che ostacolano un corretto rapporto con le proprie origini. Il segno zodiacale associato è il Capricorno.